The Clock Tower Italian Wiki
Advertisement
Philip Tate
{{{itemimage}}}
Concept art di Philip Tate
Sesso
Maschile
Età
43 (nato nel 1956)
Stato
Morto (tranne nel Finale J)
Capelli
Neri
Occhi
Castano scuro
Occupazione
Direttore di laboratorio
Apparizione/i
Clock Tower II: The Struggle Within
Doppiatore / i
Sconosciuto
Famiglia

Philip Tate (鷹野初 Takano Hajime) è un personaggio di Clock Tower II: The Struggle Within.

Storia[]

Philip Tate è il marito di Kathryn Tate, il padre di Michael, Ashley e Stephanie Tate ed è lo zio adottivo di Alyssa Hale.

In qualità di direttore del laboratorio del Memorial Pharmaceuticals Research Lab, Philip ha lavorato con Allen Hale, che fu uno dei migliori tecnici, prima che George Maxwell arrivò e lo cacciò dalla sua posizione.

Per gelosia, Allen convinse il suo amico ad aiutarlo a disseppellire i gemelli di Maxwell e causarne la caduta, e Philip accettò a malincuore. Anche se riuscirono a disseppellire uno dei gemelli, Allen presunse che Philip abbia visto Alyssa e che gli abbia dato la statua d'oro, sostenendo che essa contenesse i segreti della Maledizione Maxwell. Impaurito, Philip la nascose nel seminterrato, non essendo a conoscenza della tossina nascosta al suo interno.

Clock Tower II: The Struggle Within[]

Prima dell'arrivo di Alyssa a Casa Tate, Philip e Kathryn Tate aspettano nella sala da pranzo della loro casa. Philip parla alla moglie dell'arrivo della loro nipote, e la consola dicendole che la loro figlia Ashley sarà presto a casa. Dopo ciò, i due sentono un rumore alla porta e Kathryn si alza per controllare se è Ashley. Nel frattempo, Philip borbotta tra sé sulla Maledizione Maxwell ma, dopo aver sentito Kathryn urlare, si precipita verso la porta. Presumibilmente, rova la moglie attaccata dalla figlia zombificata, così è costretto ad ucciderla e smembrarla spargendo i pezzi del suo corpo, nel tentativo di nasconderne i resti.

Dopo il suo arrivo, girovagando per la casa, Alyssa/Bates trova Philip rannicchiato in un angolo in una delle camere al piano superiore. Anche se lei/lui tenta di chiedergli quello che è successo, Philip le/gli risponde semplicemente di nascondersi.

Più tardi, Philip presumibilmente trova la statua d'oro nella stanza di Stephanie e torna nel seminterrato. Quando Alyssa si accorgerà della mancanza della statua vista precedentemente, trova Philip nella sala principale, che la incolpa riguardo l'incidente sulla Maledizione Maxwell prima di dirle a nascondersi nella tana dandole la chiave del corridoio.

Entrando nel seminterrato, Alyssa trova nuovamente Philip, il quale possiede la statua d'oro. Egli le dice che tutto è successo quando Stephanie si trovò nel seminterrato, poi sostiene che la Maledizione Maxwell sia vera. Quando Alyssa gli chiede più informazioni, Philip, credendo che essa sapesse della maledizione, tenta di strangolarla. Tuttavia, si sottrae alla sua stretta gettandolo contro al muro.

Dopo essere rientrato nel seminterrato, Alyssa trova Philip disteso per terra e la statua d'oro sul tavolino. Quando Alyssa gli si avvicina, Philip, prima di svenire, prega la nipote di bruciarla.

Più tardi, Philip si riprende e si reca al Memorial Pharmaceuticals Research Lab, presumibilmente per indagare sulla Maledizione Maxwell e sulla causa dell'intero incidente. Dopo l'incontro con Alex Corey, Alyssa si imbatte in suo padre, ammanettato ad un tubo e, dopo averlo liberato, si recano nell'ufficio di Philip, ma presto Maxwell li raggiunge. Il padre prega Alyssa di entrare in una stanza per mettersi in salvo e lì scopre Philip, che sostiene di aver finalmente scoperto il segreto della maledizione Maxwell. Il padre chiede ad Alyssa di lasciarli da soli. Nel frattempo, Philip viene ferito a morte da Allen e lasciato nel cimitero morente, dove Alyssa lo trovò più tardi. Lui le spiega che la maledizione non è mai esistita, e che tutto è accaduto a causa di Allen Hale. Poi mette in guardia la nipote, prima di morire.

Il suo cadavere viene presumibilmente distrutto quando il laboratorio esplode nel momento culminante del gioco.

Finali alternativi[]

  • Se Bates affronta Philip nella sala principale, dopo aver trovato la statua mancante dalla stanza di Stephanie, egli lo lascia solo nella stanza, borbottando fanaticamente sulla Maledizione Maxwell, prima di essere attaccato da Stephanie, che gli smembra il suo braccio destro. Dopo che Alyssa/Bates entra nel seminterrato, Philip sarebbe seduto su una sedia, sostenendo come Alyssa e Bates sono maledetti. Prima che Philip afferma che la maledizione non può essere fermata, Stephanie entra nella stanza dalla finestra e trafigge entrambi, causando il Finale K.
  • Bates trova Philip analizzando la statua nel seminterrato. A causa del contatto con la statua d'oro, Philip strangola Bates, per prevenire morti future; ciò causa il Finale J.

Etimologia[]

Il cognome inglese di Philip, Tate, potrebbe derivare dal famoso omicidio dell'attrice Sharon Tate, per mano di uno degli assassini più famosi dell'America, Charles Manson, e dei suoi seguaci.

Galleria[]

Advertisement